Relakks.com review - La privacy prima di tutto

Moderatore: Moderatori

Rispondi
Avatar utente
Master of Mouse
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 9907
Iscritto il: 23 apr 2003 02:00
Scheda madre: Asus M4A89GTD Pro/USB3
CPU: AMD Penom II X4 BE 965
Ram: 2x 8GB 1600MHz 9-9-9-24
Scheda video: AMD Radeon RX 650 4Gb
HD: 1x Samsung 256GB 850 Pro - 2x WD 1TB WD1002FAEX - 1x WD 3TB WD30EFRX
Alimentatore: Cooler Master Silent Pro Gold 600W
Raffreddamento: CPU Thermalright Macho HR-02 - VGA Artic Cooling Accelero S1 Plus
Sistema operativo: Windows 10 Pro
Monitor: 2x Samsung P2450

Relakks.com review - La privacy prima di tutto

Messaggio da Master of Mouse » 26 feb 2010 04:52

Scritto da: EvolutionCrazy
Pubblicato da: EvolutionCrazy
Data: Sab 19 agosto 2006 alle 22:28
logoIn questi giorni molti ne parlano... noi l'abbiamo provato!
Relakks - broadband Swedish style.
La propria connessione Internet completamente cifrata ed anonima... una darknet internazionale sicura e anonima è nata, si chiama Relakks

In molti stati ormai la privacy non ha più peso se confrontata con altre necessità.
Non passa giorno in cui non ci siano notizie di conversazione intercettate, trascrizioni su giornali, controlli e quant'altro.
Sembra che più la tecnologia si diffonde, più vada a ledere la privacy.
Ogni giorno nascono nuovi tools per monitorare qualsiasi tipo di rete e comunicazione... per esempio:
http://grassogennaro.blogspot.com/2006/07/sta-nascendo-bigserch.html

Non tutte le tecnologie però nascono per controllare, intercettare e monitorare... controcorrente infatti troviamo un'azienda nata con la collaborazione di colosso svedese (labs2.com) con il partito dei pirati svedese.

La forza di relakks riesede proprio nella nazione che ospita i servizi: la Svezia, uno dei pochi stati dove le comunicazioni personali e la privacy mantengono ancora un valore ben superiore a qualsiasi altra cosa/interesse/lobby.

Reakks si autodescrive come:
Relakks provides services to help individuals to assure the security and integrity of their information. Relakks' responsibility stems from the strong Swedish tradition of protecting the integrity of private life and all forms of communication between individuals.

Tra gli articoli recenti apparsi sulla stampa nazionale vale la pena citare il Corriere della Sera:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/08_Agosto/15/pirati.shtml
sulla stampa internazionale:
http://arstechnica.com/news.ars/post/20060815-7502.html

Questo il comunicato stampa dal Partito dei Pirati svedese che ne ha resa nota la nascita:
http://www2.piratpartiet.se/nyheter/swedish_political_party_offers_commercial_darknet_access

Swedish political party offers commercial darknet access
Inskrivet av Nyhetsgruppen 15 Augusti, 2006

While the content industry expands its litigious campaign in an attempt to stifle Internet filesharing, a veritable fleet of pragmatic pirates and DRM-despising consumers continue to fight back, refusing to capitulate to the copyright content conglomerates. This perpetual game of cat and mouse pits the deep pockets of the media industry against the ingenuity and massive numbers of the filesharing community. Relakks, a commercial darknet service developed by the Swedish Pirate Party is the latest manifestation of this digital arms race.


Perchè proprio la Svezia?
Citando arstechnica:
Relakks, which is described as "Swedish style" broadband, provides a high-speed virtual private network through which users can anonymously connect to the Internet. Users are given substitute IP addresses that enable them to surf the web and use bandwidth intensive network applications through a connection protected by 128-bit encryption that theoretically deflects ISP snooping. Located in Sweden and built entirely without American software "for security reasons" the Relakks service emphasizes legal protection as well as technological protection.Sweden's Electronic Communications Act of 2003 stipulates that telecommunications service providers are only required to turn over records to the Swedish government in circumstances where evidence demonstrates beyond doubt that a suspect has perpetrated a crime for which a minimum jail sentence of two years is applicable. Relakks is not legally required to turn over records to any other government or organization.

Per soli 5€ al mese tutti questi propositi? scopriamo questo servizio e vediamo se e' sul serio all'altezza di quanto dicono :)



Di che cosa si tratta tecnicamente?
Il servizio offerto dall'azienda sara' noto ai più... si tratta di un normalissimo accesso ad una VPN svedese.
da wikipedia:

Una Virtual Private Network o VPN è una rete privata instaurata da un soggetto utilizzando un mezzo di trasmissione pubblico e condiviso come può essere per esempio internet. Il messaggio e il traffico della VPN transitano sulla rete pubblica utilizzando gli standard di trasmissione della rete e quindi potenzialmente possono essere insicuri dato che sono trasmessi in "chiaro" utilizzando protocolli comuni e quindi conosciuti anche da soggetti esterni alla VPN.

La variante utilizzata per il trasporto dei dati da relakks è PPTP, protocollo sviluppato da Microsoft e quindi facilmente utilizzabile sui sistemi windows.

All'atto pratico abilitando la VPN sul proprio pc TUTTE le connessioni entranti ed uscenti non verranno più gestite ed instradate dal proprio ISP, verrà invece stabilito un collegamento sicuro cifrato a 128bit con il server di relakks in Svezia.
Tutte le connessioni verranno quindi gestite da tale server, e nessun altro (ne il proprio ISP ne altre persone in ascolto sulla propria linea/link internet) potranno sapere che dati transitano.

Oltre a gestire tutto il traffico relakks provvede anche a dare un nuovo indirizzo IP all'utente che "esce" (viene visto) quindi su internet come se fosse realmente residente in svezia e che si collega da un macchina locale in Svezia.

Bene... ora vediamo come attivare il servizio :)

Attivare ed impostare il servizio
Per iscriversi e iniziare ad usare il servizio bastano 5 minuti.
I dati richiesti sono: Nome, email, username e password.
Quindi si procede al pagamento (noi abbiamo pagato con postepay senza alcun problema), nel giro di pochi secondi si è operativi e si può creare la connessione cifrata...

Con windows XP
pannello di controllo -> connessioni di rete -> nuova connessione

quindi si scegli come tipoligia di connessione VPN
passo1.gif
passo1.gif (11.47 KiB) Visto 4542 volte
passo2.gif
passo2.gif (9.43 KiB) Visto 4542 volte
passo3.gif
passo3.gif (8.78 KiB) Visto 4542 volte
Quindi si imposta l'host per la connessione:
passo4.gif
passo4.gif (8.86 KiB) Visto 4542 volte
Una volta confermata anche quest'ultima finestra si è pronti per andare online :)

Per attivare la connessione basta un doppio click nella nuova connessione che è apparsa in connessioni di rete, inserire username e password scelti in fase di attivazione del servizio... e si può navigare (ovviamente prima di attivare la VPN bisogna avere una connessione internet attiva che farà da trasporto per i dati cifrati) :)

analizziamo le prestazioni e il routing di questa connessione ;)

Dettagli tecnici, Ping e Traceroute
Cosa abbiamo usato per i test:
  • Connessione internet ADSL Aruba 640kbit
    Router US Robitcs 9106
L'unica modifica da fare alla nostra configurazione (necessaria solo perchè ci colleghiamo tramite router) è stato il forward della prota 1723 verso il pc su cui è stata attivata la VPN.
Una volta stabilita la connessione, questi i dettagli che windows rileva:

Codice: Seleziona tutto

 
Suffisso DNS specifico per connessione:
Descrizione . . . . . . . . . . . . . : WAN (PPP/SLIP) Interface
Indirizzo fisico. . . . . . . . . . . : 00-53-45-00-00-00 begin_of_the_skype_highlighting              00-53-45-00-00-00      end_of_the_skype_highlighting
DHCP abilitato. . . . . . . . . . . . : No
Indirizzo IP. . . . . . . . . . . . . : 82.209.178.181
Subnet mask . . . . . . . . . . . . . : 255.255.255.255
Gateway predefinito . . . . . . . . . : 82.209.178.181
Server DNS . . . . . . . . . . . . .. : 82.209.168.98
                                      : 82.209.168.99
Traceroute
Ancora da wikipedia:
In Informatica si definisce traceroute un'applicazione scritta in qualunque Linguaggio di programmazioneche si occupa di ricavare il percorso seguito dai pacchetti sulle reti informatiche ovvero l'indirizzo IP di ogni router attraversato per raggiungere il destinatario. Il termine traceroute indica, oltre all'applicazione, anche il percorso restituito dall'applicazione stessa.

Di seguito un po' di traceroute eseguiti verso vari servers:

Codice: Seleziona tutto

C:\Documents and Settings\Admin>tracert maya.ngi.it

Rilevazione instradamento verso maya.ngi.it [88.149.128.3]
su un massimo di 30 punti di passaggio:

 1 *** Richiesta scaduta.
 2 117 ms 120 ms 129 ms 82.209.178.1
 3 117 ms 134 ms 118 ms ge-4-2-0.cph20.ip.tiscali.net [213.200.70.229]
 4 141 ms 142 ms 142 ms so-5-0-0.mil19.ip.tiscali.net [213.200.82.30]
 5 143 ms 142 ms 144 ms inet-gw.ip.tiscali.net [213.200.68.22]
 6 143 ms 142 ms 145 ms 212.239.110.46
 7 147 ms 145 ms 145 ms shield1-ext.net.ngi.it [81.174.0.246]
 8 144 ms 144 ms 144 ms ns2.ngi.it [88.149.128.3]

Rilevazione completata.

Codice: Seleziona tutto

C:\Documents and Settings\Admin> tracert libero.it

Rilevazione instradamento verso libero.it [195.210.91.83]
su un massimo di 30 punti di passaggio:

 1 *** Richiesta scaduta.
 2 166 ms * 166 ms 82.209.178.1
 3 122 ms 120 ms 122 ms ge-1-2-0.403.ar2.CPH1.gblx.net [208.51.239.133]
 4 123 ms 124 ms 122 ms so0-0-0-622M.ar1.cph1.gblx.net [67.17.75.34]
 5 * 164 ms 138 ms sprint-1.ar1.CPH1.gblx.net [64.212.107.18]
 6 131 ms 131 ms 180 ms sl-bb21-ham-13-0.sprintlink.net [213.206.129.58]
 7 142 ms 141 ms 144 ms sl-bb20-fra-13-0.sprintlink.net [213.206.129.61]
 8 233 ms 149 ms 151 ms sl-bb20-zur-12-1.sprintlink.net [213.206.129.154]
 9 147 ms * 148 ms sl-bb21-zur-12-3.sprintlink.net [80.93.8.41]
10 150 ms 152 ms 155 ms sl-bb21-mil-12-0.sprintlink.net [213.206.129.74]
11 * 156 ms 157 ms sl-gw11-mil-6-0.sprintlink.net [217.147.128.46]
12 154 ms 157 ms 157 ms sle-windt-14-0.sprintlink.net [217.147.143.206]
13 164 ms 154 ms 157 ms MIOT-TO2-MICA-I02-po01.wind.it [212.245.228.33]
14 155 ms 171 ms 157 ms MILO-B02-MIOT-T02-Ge1-0.wind.it [151.6.7.38]
15 156 ms 155 ms 157 ms 151.6.36.27
16 159 ms 157 ms 154 ms 192.106.7.237
17 157 ms 232 ms 162 ms vs-fe.iol.it [195.210.91.83]

Rilevazione completata.

Codice: Seleziona tutto

C:\Documents and Settings\Admin>tracert kernel.org

Rilevazione instradamento verso kernel.org [204.152.191.37]
su un massimo di 30 punti di passaggio:

 1 *** Richiesta scaduta.
 2 121 ms 123 ms 120 ms 82.209.178.1
 3 119 ms 145 ms 121 ms ge-1-2-0.403.ar2.CPH1.gblx.net [208.51.239.133]
 4 285 ms 286 ms 286 ms so5-0-0-2488M.ar2.PAO2.gblx.net [67.17.93.109]
 5 286 ms 302 ms 347 ms isc-1.ar2.PAO2.gblx.net [208.50.13.60]
 6 290 ms 287 ms 290 ms zeus-pub2.kernel.org [204.152.191.37]

Rilevazione completata.
Prestazioni Download HTTP e upload FTP
Senza dilungarsi molto in chiacchere lasciamo che siano gli screenshot a parlare :)

dowload da http svedese con 3 sessioni di download in contemporanea
http_3threads.gif
download da http italiano (fastweb) con 1 sessione di download
http_1thread_fastweb.gif
download da http italiano (fastweb) con 3 sessioni di download
http_3thread_fastweb.gif
download da http USA con 1 sessione di download
http_debian_usa_1thread.gif
download da http USA con 3 sessione di download
http_debian_usa_3thread.gif
upload verso FTP europeo (1 connessione)
ftp.gif

AGGIORNAMENTO 21-AGOSTO-2006
I problemi di lentezza che sembravano esserci i giorni scorsi sembrano essere stati risolti... da oggi download a piena banda da qualsiasi sorgente...
rapidshare_1156166136.gif
Ed2k - Bittorrent - IRC
E ora vediamo come funzionano programmi come emule e utorrent... :)
emule appena avviato si connesso immediatamente con ID alto...
emule_server.gif
e iniziato a caricare come al solito fino a raggiungere il limite impostato a 28kb/s, il download invece se le fonti a caricare erano USA faceva un po' fatica a prendere piede... ma di questo ne parliamo dopo ;)
emule_stats.gif
Bittorrent... nello spefico bittornado, qui non si nota alcuna differenza, ne rallentamento rispetto all'uso senza VPN
torrent.gif
IRC... assolutamente nessun problema nemmeno per ricevere ed inviare files con xchat
irc.gif
irc.gif (8.29 KiB) Visto 4542 volte
Ovviamente, vista la tecnologia usata... e visto che qualsiasi pacchetto prima di finire su internet deve andare prima in Svezia le prestazioni per il gaming online non sono ai vertici... questo uno screen preso in un server svedese di Call of duty 2(sullo stesso server uscendo direttamente con la mia connessione pingo in media sui 60ms...)
cod2.jpg

Conclusioni e considerazioni sul servizio
Il servizio è appena nato... è attivo da meno di una settimana... e loro stessi nella home page dicono di avere ancora qualche problema che stanno risolvendo...
In effetti come si può vedere dai test il download tramite http e' alquando limitato... pur avendo una connessione ADSL molto limitata (solo 640kbit di download) per riuscire a saturarla 2 download in contemporanea bastano a malapena... 3 sono spesso necessari..
Significati ralletamenti si notano scaricando da fonti USA...

Un problema che magari si nota meno usando programmi p2p che scaricano da molte fonti in contemporanea (vedi bittorrent).
L'upload invece e' ottimo... 28kb/s via ftp (senza VPN arrivavamo massimo a 32kb/s) via p2p sempre i soliti 28kb/s senza problemi e senza "strozzare" il download :)
In definitiva un servizio che promette bene, soffre ancora di qualche problema di gioventù, ma visto lo spirito che ci sta dietro potrà crescere per bene :D

Da quanto si dice appena lanciato il servizio hanno avuto un enorme numero di adesioni, possiamo quindi "comprendere" le problematiche iniziali che un simile lancio può avere :)

Ci promettiamo di fare test più approfonditi quando il servizio si stabilizzerà ;)



Rispondi